BIOGRAFIA

ANDREA TOMASINI

Andrea nasce il primo settembre del 1982 a Pordenone, in Friuli Venezia Giulia.
Al suo primo compleanno, anziché l’orsetto, gli viene regalata la sua prima “rossa”…una Ferrari a pedali che si porterà persino a letto la sera. Sin da piccolo riesce ad arrampicarsi su moto, scooter e macchine varie. Gli piacciono i motori, così tanto che a cinque anni vince la sua prima corsa ai minikart.
Inizia così il suo percorso da pilota. Un percorso fra le varie categorie che lo vede sempre nel podio, anche se nei vari scalini. Fino ai quindici anni corre quindi in formula kart F3, poi passa alla F2. Si cimenta anche con la Formula Challenge, Renault, Superstars dove ottiene brillanti risultati. Gli studi e la smania di riuscire anche nella vita come nelle corse, lo portano però a rallentare. Si arruola nei Carabinieri. Riesce sempre in tutto ciò che fa…forse perché ci mette un ingrediente fondamentale: la passione! E’ proprio questa passione che lo riporta a salire su quei bolidi rombanti della Formula Predator’s. Inizia quasi per hobby, per il piacere di correre in pista, dove puoi misurarti con te stesso. Dove il tuo unico avversario è il tempo. Incredibilmente i suoi risultati sono molto simili a quelli dei piloti che lo affiancano ma che corrono in questa categoria già da anni. Ma il mondo dei motori è imprevedibile e giustamente le scelte e preferenze cambiano. Si avvicina al mondo dei rally maraton e porta a termine gare importanti in Nord Africa con fuoristrada prototipi. Qualcuno si accorge di lui, il ragazzo ha stoffa da vendere e iniziano i test con Nissan.

Lo scorso anno lo vediamo classificato quarto assoluto, primo di classe e primo di gruppo, lasciandosi dietro piloti a livello mondiale come Miki Biasion, due volte campione mondiale di rally nel 1988 e 1989, e altri veterani del Relly Dakar, uno dei rally di automobilismo e motociclismo più famosi al mondo, che prevedeva un tempo la tappa finale nella capitale del Senegal, nell’Africa occidentale.

Dopo questi brillanti risultati Andrea non si ferma, dal 2014 si prepara per affrontare l’Italian Baja 2015 che conclude con tempi da record e con il primo posto nel campionato Friuli Venezia Giulia.

Anche nel 2016 esce con risultati da campione, 4° posto assoluto e 2° di classe.

Quest’anno saranno presenti anche osservatori di grandi case automobilistiche interessati a Tomasini, è questa la grande occasione per proiettarsi verso uno scenario di livello mondiale

DESCRIZIONE PILOTA

ANDREA TOMASINI

Nome: Andrea
Cognome: Tomasini
Data di nascita: 01/09/1982
Luogo di nascita: Pordenone
Residente: Sacile (PN)
Altezza: 1.90 m
Peso: 84 Kg
Titolo di studio: Ottico
Hobby: Motori, Musica, Giornalismo sportivo.
Esperienze: Karting KF3 e KF2, Formula challenge, Formula Predator, Renault 2000, Superstars World Series, Italia Baja 2014, Italian Baja 2015, Italian Baja 2016.

DESCRIZIONE NAVIGATORE

Mauro Toffoli

Nome: Mauro
Cognome: Toffoli
Data di nascita: 25 settembre 1981
Luogo di nascita: Vittorio Veneto (TV)
Residente: Pordenone
Altezza: 1,82 m
Peso: 82 kg
Titolo di studio: Istituto Professionale
Hobby: Motori, Trecking
Esperienze: Debutto nel 2008 come Navigatore nei rally, approdato al cross country nel 2016.

Andrea Tomasini

INTRODUZIONE

Cos’è un Baja

Non un comune rally, un rally raid! Molti di voi adesso sicuramente staranno pensando “Beh, un rally più lungo!” …non proprio! Un rally più lungo sarebbe solamente una competizione incentrata sulla velocità che richiede un maggiore sforzo fisico. Il raid è molto di più. Nonostante sia comunque una competizione di velocita con gli stessi meccanismi del rally come crono alternate a trasferimenti, guida su tutti i terreni con qualunque condizione climatica ecc.. il raid non si può considerare al pari del rally in quanto la prova di velocità in questo caso è strettamente legata alla prova di abilità e alla freddezza della mente dell’equipaggio. Infatti spesso i percorsi sono strade accidentate in mezzo al nulla e ciò rende necessarie diverse abilità sia fisiche che mentali. Ogni prova cronometrata può durare diverse ore e può essere anche più stancante di un rally intero. I mezzi usati sono tra i più svariati divisi nelle categorie T, TH e TS. Partecipano principalmente SUV, tra cui Toyota Hilux, Mitsubishi L200 e Nissan Pick-up. Non mancano ovviamente le moto e proprio in questo campo KTM ha fatto molta strada (letteralmente!), i buggy ed infine i camion, tra cui l’amatissimo Kamaz 4911. I veicoli sono progettati per affrontare la maggior gamma possibile di terreni e pendenze, visto che nei rally raid non sono delle novità passaggi interi su distese di rocce in forte pendenza e disunite. La competizione nata come Parigi-Dakar, oggi disputata annualmente in Argentina, è la più nota a livello mondiale, tanto da essere sempre presente su riviste e giornali sportivi. Altre gare prestigiose sono il Rally dei Faraoni, prima disputato in Egitto e da poco trasferito in Oman, la Baja 1000 in Messico e la Mosca-Pechino che attraversa tutto il continente asiatico. Parlando di piloti, doveroso citare il francese Stéphane Peterhansel, che tra moto e auto vanta un totale di 13 vittorie alla Dakar. In Italia questa disciplina non è sicuramente tra le più conosciute, ma non si può neanche dire che sia del tutto ignota, tanto che esiste un campionato dedicato a questa categoria: il Campionato Italiano Cross Country, dal 2005 organizzato ormai annualmente dall’ACI. Il pilota migliore, stando ai numeri, è Stefano Codecà. Gara fondamentale del nostro territorio è anche l’Italian Baja, competizione presente nel mondiale da diversi anni. Tra appassionati si dice che il rally raid sia ciò che si avvicina maggiormente ai rally anni 60/70. Quei rally praticamente infiniti, basati non solo sulla pura velocità, ma anche sul coraggio e sull’avventura. Si trova infatti rimarcato in diversi regolamenti di questa disciplina che non deve mai venire meno durante la gara il principio alla base di questa categoria: l’esplorazione. Il terreno preferito da questi piloti è il deserto: una distesa infinita che non conosce asfalto dove le dune, la soffice sabbia e il caldo sono quasi snervanti. Quando invece i percorsi si organizzano in mezzo alle foreste, la condizione è quasi l’opposto: un freddo umido e dei percorsi per niente lineari. Così i piloti sono sottoposti a una prova completa, che non ha limiti di terreno ne di durata, e spinge al limite le abilità di guida di ciascun partecipante. Il navigatore in questo caso non si occupa di fornire curva per curva le indicazioni, ma di aiutare il pilota a non perdersi. Si corre alla cieca: nessuno può vedere il percorso prima della gara. Per questo il roadbook ha un ruolo fondamentale: solo lì sono riportate tutte le indicazioni per giungere al traguardo. Capita spesso che ci siano delle rotture meccaniche o delle forature: in questo caso pilota e navigatore si accostano ed effettuano da soli le riparazioni: non c’è speranza di poter tirare fino al parco assistenza, potrebbero mancare centinaia di chilometri! Ma alla fine si corre e ci si diverte! Ognuno di noi ha le sue categorie preferite e quelle che detesta, ma ad un pilota vero basta poco: dategli un’auto e lui correrà. In pista o nel mezzo di una foresta, lì non ci sono cordoli che salvano, non ci sono guard-rail, se siete fortunati troverete un paese di montagna, ma non vi aiuterà nessuno. Sarete voi tre contro la natura: pilota, navigatore ed auto. Chi sarà il più veloce?

GARE DEL NOSTRO CAMPIONATO

26 marzo 2017
1° Baja di Primavera valevole
per campionato italiano
www.bajadautunno.it

10 settembre 2017
Baja Il Nido dell’Aquila valevole
per campionato italiano
www.rallynidodellaquila.it

10/13 agosto 2017
Hungarian Baja valevole
per campionato mondiale
www.hungarianbaja.com

01 ottobre 2017
4° Baja Costa Smeralda valevole
per campionato italiano
www.rallycostasmeralda.com

15-18 giugno 2017
24° Italian Baja valevole
per campionato mondiale e campionato italiano
www.italianbaja.it

16 luglio 2017
5° San Marino Baja valevole
per campionato italiano
www.sanmarinorally.com

12 novembre 2017
2° Baja d’Autunno Valvadrom valevole
per campionato italiano
www.bajadautunno.it

12 novembre 2017
2° Baja d’Autunno Valvadrom valevole
per campionato italiano
www.bajadautunno.it

RISCONTRO MEDIATICO

Il Campionato Cross Country gode di un’ottima esposizione mediatica sia sulle tv nazionali che mondiali. Come si dice in questi casi, il vero vincitore è la trasmissione, non solo in termini d’ ascolto ma soprattutto di riscontro mediatico. La tv riscrive le regole del gioco, come in passato ha fatto con lo sport, con la politica, con la serialità, con la divulgazione, con l’ informazione, ecc. Sono le reti più importanti a seguire in diretta il World Champion’s Cross Country. Questo evento importantissimo, la formula uno dello sterrato sarà seguito da otto elicotteri per garantire le dirette TV. La gara ha una copertura mediatica notevole, verrà trasmessa da Rai Sport, Feder Moto TV, Rai 3, Eurosport, Rai Sport 2 (canale televisivo sportivo rete nazionale),OFFROAD TV (è l’unico format televisivo in Europa ad occuparsi esclusivamente del mondo del fuoristrada seguendo i più importanti campionati di rilievo Nazionale ed Internazionale, seguendo raduni, viaggi, effettuando test drive su veicoli nuovi e storici, elaborazioni e news dal mondo dei fuoristrada, SUV, crossover e 4x4 in genere), Motoring Rallynews TV. Anche sul fronte della CARTA STAMPATA il primo riferimento saranno naturalmente i due settimanali specializzati, Autosprint e SportAutoMoto, presenti ad ogni appuntamento con un proprio inviato. Info e news sul campionato saranno poi proposte da Corriere dello Sport e Gazzetta dello Sport. Su quest’ultima è inoltre prevista una campagna promozionale di piedoni pubblicitari e colonne publi-redazionali, dedicati come sempre a tutti i team e piloti. Importante il riscontro su INTERNET attraverso un lungo elenco di siti specializzati e non, che seguono con costanza l’evolversi della gara con cronache e foto. Fondamentale ricordare che l’automobilismo è lo sport più fotografato al mondo e per questo è uno dei migliori veicoli di marketing per l’immagine di una azienda.

DIVENTA SPONSOR

offriamo varie soluzioni di visibilità contattaci a andreatomasini01@gmail.com